A Singapore c’è una sorta di tram elettrico che si ricarica in 20 secondi,mentre i passeggeri salgono e scendono dal mezzo. Si chiama NTU-Blue Solutions Flash Shuttle ed è il frutto di una collaborazione tra la Nanyang Technological University e BlueSG Pte Ltd, una sussidiaria di Blue Solutions, società a sua volta controllata dal gruppo Bolloré.

L’obiettivo del Flash Shuttle, che si basa sul Bluetram di Bolloré, è di abbinare l’efficienza di un convenzionale tram con la mobilità sostenibile di un mezzo elettrico, il tutto con costi inferiori di “cinque-dieci volte rispetto un tram.”

Questo perché il mezzo non necessita di infrastrutture particolari, se non le stazioni che permettono di ricaricare il 22 posti e fornirgli un’autonomia di circa 2 chilometri, supportati da energia di riserva sufficiente per altri 30 km. Range che è evidentemente tarato sull’intenzione di ricaricare il mezzo di frequente e in modo molto rapido. Un mezzo che nello specifico è equipaggiato con un supercondensatore e una batteria LMP realizzata da Blue Solutions.

Il Flash Shuttle viaggerà per almeno due anni lungo un tragitto che va dal campus di NTU al business park CleanTech One di JTC, all’interno del Jurong Innovation District. Un periodo durante il quale gli studenti potranno usufruire del servizio (a partire da metà 2018) e gli scienziati potranno studiare performance del veicolo e comportamento dei passeggeri

Una collaborazione quella tra la NTU e BlueSG supportata dal Comitato per lo Sviluppo Economico di Singapore e che rientra tra le iniziative del France-Singapore Year of Innovation.

Related posts: