imageSi sa, ogni estate porta con se una ventata di novità con i suoi “tormentoni”, dalle canzoni ai luoghi cult dove passare le proprie vacanze, passando per le notizie calde che ci tengono compagnia, per lo più sotto l’ombrellone. E di tormentone si tratta anche nel caso di Stonex One, lo smartphone assemblato in Italia dall’omonima azienda brianzola. Oltre al prezzo più che concorrenziale, le caratteristiche tecniche sono davvero sorprendenti quanto allettanti, grazie ai componenti dal valore ben più alto del prezzo con il quale verrà lanciato sul mercato. Parliamo infatti di un processore octacore a 64 bit Mediatek Helio X10, un display Quad HD da 5.5 pollici con risoluzione di 2560 x 1440 pixel, una batteria da 3mila mAh che offre una durata media e con una memoria che può essere espansa fino a 32 GB attraverso la Micro SD. Il sistema operativo è invece un Ciao OS, in realtà praticamente identico all’Android Lollipop 5.1. Stonex One ha una scocca di plastica dal colore blu, senza possibili alternative – il che, per il prezzo al quale viene venduto, è più che comprensibile -. Se i designers di tutto il mondo potranno sentirsi indispettiti da questo piccolo particolare estetico che non ammette scelta, ci sono ottime notizie per gli amanti della fotografia. Lo smartphone italiano, infatti, offre una fotocamera posteriore nientemeno che di casa Sony, con ben 21 MP. Non è male neanche la fotocamera anteriore, per la felicità di tutti gli appassionati di selfie, con i suoi 8 MP. Non dimentichiamoci poi che, grazie ai 3 GB di RAM, i giochi scorrono fluidi, anche quelli che richiedono un lavoro molto maggiore. Inutile dire che l’attesa creatasi attorno a questo smartphone – e alla sua attesa – ha posto molte domande su quello che, oltre ad avere tutte le carte in regola per meritare la medaglia di tormentone dell’estate 2015, rappresenta il frutto del lavoro di un team di persone guidate dalla passione che ce la stanno mettendo tutta. E lo hanno dimostrato il 1 agosto scorso, quando, nella sede dell’azienda di Lissone, è stato celebrato lo Stonex Day, che ha visto un insolito Francesco Facchinetti veramente immerso nel progetto, capace di parlare di Stonex One non solo dal lato “promozionale” come molti pensano, ma da quello tecnico, di rispondere a domande mirate sulla tecnologia che lo compone e sul futuro dell’azienda in generale. Il famoso “DJ Francesco” non è solo l’immagine pubblicitaria di Stonex One: è un punto cardine di Stonex che crede nel progetto e lo segue dall’interno. Questo progetto, ancora in fase embrionale, se sarà gestito per il meglio e non perderà questa scintilla di magia, potrà diventare qualcosa di concreto e significativo per il panorama mobile ed italiano.

Related posts: